Psicofarmaci.it

Home

 

Psicofarmaci

Con la definizione di psicofarmaci si identificano diverse classi di farmaci che agiscono sul sistema nervoso centrale. Si possono classificare in base al tipo di molecole (classi farmaceutiche) o all'effetto terapeutico. Fra essi i pi¨ utilizzati sono: gli ansiolitici, gli antidepressivi e i neurolettici (o antipsicotici); che a loro volta includono molecole appartenenti a classi diverse. A questi possiamo aggiungere il litio e gli antiepilettici usati come stabilizzatori dell'umore.

Non si pu˛ parlare di un effetto terapeutico comune degli psicofarmaci proprio per la eterogeneitÓ delle molecole e dei disturbi trattati (responder, non responder): alcune patologie si risolvono con una terapia ben condotta, altre croniche e recidivanti (ovvero perduranti nel tempo o che si ripresentano ciclicamente, soprattutto se i trattamenti farmacologici sono discontinuati), il loro effetto Ŕ di attenuare almeno i sintomi del disturbo mentale, favorendo una eventuale psicoterapia, o almeno una convivenza con la malattia mentale, nei casi in cui questa renda impossibile al paziente mantenere un lavoro e una vita normali.

In ogni caso l'uso e la prescrizione di psicofarmaci va valutato attentamente per gli effetti collaterali, a volte pesanti, e la possibilitÓ di errori nell'assunzione, che possono portare a una riaccensione dei sintomi o a vere e proprie intossicazioni, il cui esito Ŕ raramente letale; inoltre il trattamento con alcuni tipi di psicofarmaci deve essere interrotto gradualmente, pena l'insorgere di sintomi di astinenza.

Per approfondire:
Ansiolitici, Benzodiazepine, Barbiturici, Antidepressivi, Neurolettici

Ansiolitici | Benzodiazepine | Barbiturici | Antidepressivi | Neurolettici

Psicofarmaco. (15 gennaio 2008). Wikipedia, L'enciclopedia libera. Tratto il 18 febbraio 2008, 14:35 da http://it.wikipedia.org